Le Libertarie Pisane 2018

Le Libertarie

La convention

Articoli recenti

Vai all'elenco di tutti gli articoli

Posts Tagged ‘Pisa 2018’

Libertarie4

Si svolgeranno a Pisa le prime Libertarie

Saranno le Libertarie comunali per la scelta del candidato sindaco di centrodestra alle elezioni comunali del 2018.

L’annuncio è stato dato ai giornali da Gianluca Gambini, esponente di Forza Italia, che ha comunicato le modalità di funzionamento delle Libertarie comunali che potete consultare qui sotto. La proposta è stata accolta dalla Lega per voce di Susanna Ceccardi, da Pisa nel cuore, da Movimento Idea, da Pensare Pisa, dal Comitato NoMoschea, dal Comitato Il Popolo decide, da centinaia di elettori, simpatizzanti e cittadini. Speriamo di coinvolgere anche Forza Italia e Fratelli d’Italia, ma soprattutto contiamo sul coinvolgimento dei cittadini, perché saranno loro, gli elettori, gli unici sovrani delle libertarie, senza alcuna interferenza da parte dei partiti tradizionali o dei loro apparati.

I cittadini, tramite la convention di 30 delegati, eletti in una sequenza di primarie a tappe (una circoscrizione per tappa), controlleranno l’applicazione delle regole, sanzioneranno chi le viola, le modificheranno in corso d’opera o per la volta prossima, scriveranno il programma elettorale, nomineranno il candidato sindaco di centrodestra a Pisa 2018.

Libertarie5

Chiunque sia eleggibile a sindaco si può candidare alla nomina per diventare il candidato sindaco di centrodestra. Non è richiesta alcuna raccolta di firme, non è richiesto il pagamento di alcuna somma.

Chiunque risieda in una circoscrizione di Pisa si può candidare a delegato di quella circoscrizione. Non è richiesta alcuna raccolta di firme, non è richiesto il pagamento di alcuna somma.

Chiunque risieda a Pisa e abbia una tessera elettorale valida potrà votare, gratuitamente. Non sarà richiesta l’adesione ai valori del centrodestra e non sarà richiesto alcun impegno a votare il candidato di centrodestra alle elezioni comunali. Le primarie sono aperte, che vuol dire che possono votare anche gli elettori che si sentono (e magari vogliono restare) di sinistra o del Movimento 5 Stelle.

Inoltre, gli elettori devono sapere che Libertarie6

La diluizione delle primarie in un percorso a tappe di 6 settimane, una per circoscrizione, più la convention, permette a tutti gli elettori, anche chi parte dalla condizione di perfetto sconosciuto, di colmare in breve tempo (due o tre tappe) il divario che lo separa dai favoriti e assurgere alla condizione di potersela giocare con chiunque per vincere.

Le Libertarie sono ispirate alle primarie americane per le elezioni presidenziali e in base ai dati di partecipazione a quelle possiamo stimare che voteranno almeno 6000 persone, più di quante sono andate a votare alle recenti primarie nazionali del PD nel comune di Pisa. Tuttavia, punteremo a portarne almeno 7000, ma ci accontenteremmo anche di 8000, 9000 o 10000.

Libertarie7

 Libertarie Comunali per Pisa 2018

Sono lo strumento che dà tutto il potere agli elettori e fa emer­gere la volontà popolare.

Permette a tutti gli elettori di candidarsi a sindaco con effettive possibilità di vincere.

Gli elettori, senza alcuna interferenza da parte degli apparati partitici, hanno modo di vagliare i candidati a sindaco ade­gua­­tamente, determinano il vincitore, scrivono il programma elettorale dei cittadini, supervisionano l’applicazione delle regole del processo di selezione, ne controllano l’applicazione, dirimono le controversie, sanzionano le violazioni. 

Le libertarie sono fatte di:

  • un “giro di Pisa’’ a tappe di elezioni primarie (una circoscrizione per tappa)
  • la convention dei delegati

Le elezioni primarie sono sequenzializzate su base circoscrizionale. Il voto è gratuito e ristretto ai residenti della circoscrizione possessori di tessera elettorale.

Qualunque elettore può candidarsi liberamente e gratuitamente:

  • alla nomina;
  • a fare il delegato alla convention comunale.

La nomina è la votazione con la quale la convention comunale nomina il candidato sindaco.

La convention comunale è l’autorità massima del processo di selezione. È composta di delegati, che sono elettori tra elettori (bibliotecaria, insegnante, cameriera, medico, commessa, tabaccaio, infermiera…). Il loro compito è unicamente quello di dedicare tre giorni del loro tempo per governare il processo di selezione e portare alla luce le istanze loro e dei loro concittadini.

Precisamente, la convention

  • nomina il candidato sindaco;
  • scrive il programma elettorale degli elettori;
  • controlla l’applicazione delle regole, sanziona le violazioni, dirime le controverse, modifica le regole in corso d’opera e per la volta successiva.

L’elettore che si candida a fare il delegato, comunica anticipatamente per quale candidato alla nomina intende votare alla conven­tion. Si impegna solen­ne­mente di fronte agli elettori a tenere fede alla promessa fatta.

In tutte le altre votazioni della convention, il de­le­gato è completamente libero. In particolare, non è tenuto a seguire le eventuali indi­ca­zioni del candidato alla nomina che si è impegnato a votare; anzi, è tenuto a rappresentare al me­glio la volontà dei suoi elettori, e solo quella.

Nelle primarie di circoscrizione, l’elettore esprime le sue preferenze per:

  • il candidato alla nomina,
  • i candidati delegati che si sono impegnati a votare quel candidato alla nomina.

Le preferenze per il candidato alla nomina determinano il numero dei delegati di circoscrizione che vengono eletti, tra coloro che si sono impegnati a votare quel candidato alla nomina. Le preferenze per i delegati determinano le identità dei delegati eletti.

Proprietà  

Le libertarie massimizzano il consenso e la risonanza mediatica.

Si dimostra che:

  • la sequenzializzazione e il dinamismo delle consultazioni danno luogo a un effetto-leva per cui un candidato outsider ha la possibilità, nelle prime due-tre tappe, di emergere dal nulla e colmare interamente lo svantaggio che lo separa da chi parte favorito nei sondaggi, per poi continuare bat­ten­dosi alla pari con gli altri;
  • gli sbarramenti e la sequenzializzazione rendono ininfluenti eventuali tentativi di “sabotaggio”;
  • la presenza della convention e la conseguente assenza di ogni apparato garanti­sco­no una trasparenza estrema;
  • l’estensione e tutti della possibilità di vincere, la possibilità di governare il pro­cesso di selezione facendo i delegati e la trasparenza della convention incre­men­ta­no no­te­volmente la partecipazione degli elettori;
  • la competizione articolata e diluita crea un evento di portata mediatica notevole, seguito con interesse dai mezzi di comuni­ca­zione per varie settimane, ciò che assicura pubblicità gratuita al movimento e al candidato vincitore.

 Calendario delle elezioni primarie 

Data

Circoscrizione

Numero delegati

Sistema elettorale per l’assegnazione dei delegati

12 febbraio 2018

1

3

proporzionale
19 febbraio 2018

3

4

proporzionale
26 febbraio 2018

2

3

proporzionale
5 marzo 2018

4

6

4 delegati al primo, 2 al secondo
12 marzo 2018

6

8

tutti i delegati al primo
19 marzo 2018

5

7

tutti i delegati al primo
 

 

31

 


Convention il 19-22 aprile 2018
 

Elezioni comunali: giugno 2018

Sostieni il progetto YouCaucus – Libertarie per l’Italia

Se vuoi sostenere il progetto YouCaucus –
Libertarie per l’Italia
puoi diffonderne le idee come meglio credi, attraverso i social network, o fare una donazione in denaro, dell’importo che vuoi





LIBERTARIE PISA 2018


Istruzioni semplici

Le Libertarie Comunali

Regole delle libertarie

Calendario delle primarie e della convention


Volantino | Stampa e divulga

Rassegna stampa


Cosa ne pensi? Scrivi a

youcaucus@youcaucus.com 

  • Facci conoscere il tuo parere
  • Iscriviti alla nostra mailing list per restare aggiornato
  • Facci sapere se sei interessato a fare da testimonial delle Libertarie (cioè prestarci il tuo volto e il tuo nome) per campagne pubblicitarie informative sui quotidiani e le TV locali
  • Facci sapere se sei interessato a candidarti alla nomina o a delegato

Cerca nel sito

Nel sito Nel web