Le Libertarie Pisane 2018

Le Libertarie

La convention

Articoli recenti

Vai all'elenco di tutti gli articoli

Archive for September 2016

I Conservatori e Riformisti hanno delle ottime chances di realizzare, da soli, le libertarie per il candidato premier, grazie all'”effetto Jordan” che riduce lo sforzo organizzativo a quello delle prime tre consultazioni regionali, per quanto siano di piccole dimensioni. Per esempio, in Italia potrebbero essere Molise, Basilicata, Abruzzo. [Hamilton Jordan fu il braccio destro di Jimmy Carter e il primo a capire la dinamica delle primarie presidenziali americane. I suoi preziosi consigli permisero a Carter, nel 1976, di passare dall’anonimato a presidente in dieci mesi.]

Sono intervenuto al convegno dei Conservatori e Riformisti “Verso la Convenzione Blu”, tenutosi a Cortina d’Ampezzo nei giorni 24 e 25 settembre 2016. Nel mio discorso ho fornito nuovi dettagli su cosa sono e come funzionano le libertarie, e ho spiegato come l’effetto Jordan riesce ad agire come catapulta per lanciare candidati emergenti verso la vittoria finale.

Leggi le trasparenze relative al mio intervento cliccando su
Verso le Libertarie Cortina 2016

Mio intervento al convegno “Centrodestra riparte” dei Conservatori e Riformisti, presso il Tempio di Adriano, giovedì 8 settembre 2016 alle ore 15.00.

La nostra economia non è molto amica di chi vuole emergere, provarci, realizzare l’idea in cui crede, costruire un’impresa, magari partendo da zero o da poco, perché sulla sua strada gli fa trovare una miriade di difficoltà, vincoli, obblighi, adempimenti burocratici e dilazioni.

Il sogno americano, invece, parla di libertà, di opportunità per tutti, anche chi parte dalla sola idea in cui crede. Racconta storie di persone che entrano in un’azienda come segretarie o magazzinieri e ne escono da dirigenti, parla di brillanti idee dal successo planetario concepite in uffici improvvisati dentro uno scantinato.

Esiste una versione politica del sogno americano, che ho chiamato le libertarie. Si tratta del sistema di consultazione degli elettori che permette a tutti i cittadini di candidarsi con effettive possibilità di vincere, anche emergendo dal nulla, e dà agli elettori il completo controllo sul processo di selezione. Un sistema che possiamo apprendere dal funzionamento interno dei partiti americani degli ultimi 40 anni, e in particolare la selezione dei candidati alla Casa Bianca.

La consultazione degli elettori è diluita nell’arco di sei mesi, uno stato o una manciata di stati alla volta, separati da una settimana o giù di lì. In questo modo chiunque ha l’effettiva possibilità di vincere, emergendo gradualmente dall’anonimato fino alla vette più alte della notorietà in una manciata di tappe. Allo stesso modo chi parte favorito e non merita, rischia di vedere il suo consenso evaporare davanti ai suoi occhi in altrettante tappe, come quest’anno è successo a Jeb Bush. Inoltre, una convention di cittadini scelti dagli elettori mediante le stesse consultazioni, detti delegati, governa l’intero processo tramite un meccanismo di controlli incrociati, verifica l’applicazione delle regole, sanziona che le viola, modifica le regole per la volta successiva. La convention è l’autorità massima del partito, il suo governo popolare.

Negli Usa ci sono voluti 2 secoli di tentativi e fallimenti per trovare la strada giusta, e poi 40 anni di perfezionamenti per raffinarla. Ma alla fine, quello che gli americani hanno raggiunto è qualcosa di straordinario, equivalente secondo me alla più grande delle scoperte scientifiche mai fatte nella storia dell’umanità: hanno trovato la formula della democrazia.

Gli elettori lo sanno e rispondono incredibilmente bene, numerosi e generosi. Quest’anno 31 milioni di elettori americani si sono recati a votare alle primarie repubblicane, record assoluto, e 30 milioni e mezzo a quelle democratiche. Si tratta della metà di chi andrà a votare a novembre. Per fare un paragone, se si facessero le libertarie in Italia, si potrebbe arrivare a 11 milioni di elettori a polo, in una situazione bipolare. Per non parlare delle centinaia e centinaia di milioni di dollari raccolti dai candidati americani in una miriade di microdonazioni da pochi dollari l’una.

L’altra faccia della medaglia, quasi ovvia, è che la formula vincente va applicata in maniera corretta e rigorosa, perché solo allora lo strumento dispiega tutta la sua potenza e solo allora gli elettori rispondono numerosi e generosi. Non esistono vie di mezzo, o scorciatoie. Di fronte a qualunque ripiego al ribasso gli elettori capiscono di non essere loro al centro, di essere stati sostituite da un qualche gruppo di potere, e allora non rispondono affatto.

In Italia la parola primarie reca inevitabilmente con sè il carico di ambiguità, recriminazioni e contestazioni che caratterizzano le primarie del PD, le quali, essendo concentrate in un solo giorno su tutto il territorio non danno a nessuno la possibilità di emergere dal nulla, cioè restringono le possibilità di vittoria ai soliti noti. Inoltre, essendo senza convention, sono in balia dell’arbitrio e della litigiosità degli apparati, per cui generano infinite recriminazioni. A molte altre persone, poi, vengono in mente le primarie del movimento 5 stelle, che sono ancora peggio. Primarie come quelle sono ben poco attraenti.

Insomma, chi chiede poco, cioè delle generiche primarie, oltre a generare le reazioni spontanee di scetticismo e diffidenza, ci può portare ad ottenere una competizione improvvisata come quelle provate tante volte negli Usa prima di trovare la strada giusta, cosa che ci porterà diritti al fallimento. Se invece vogliamo spavaldamente tutto, il massimo, cioè le libertarie, c’è il rischio di ottenere… tutto.

E allora mi sono divertito a immaginare cosa succederebbe se a un certo punto, magari provocatoriamente, ma non del tutto, ci dichiarassimo contrari alle primarie, sapendo che nella mente dell’ascoltatore scatta automatico il riferimento alle primarie del Pd e del M5S. E’ chiaro che se facessimo qualcosa del genere genereremmo sconcerto e curiosità, che si traducono in ulteriori domande, richieste di spiegazioni, maggiore attenzione e interesse da parte di chi ascolta e ciò magari porterebbe a richieste di ulteriori interviste.

Ci verrebbe sicuramente rimproverato
– Ma non eravate a favore delle primarie fino all’altro ieri?

e questo ci darà l’opportunità di rispondere

Certo, ma ci siamo resi conto che le primarie sono già superate. Esse generano troppe recriminazioni e non fanno emergere affatto la volontà popolare. Noi siamo per le libertarie.

al ché non potrà che seguire la richiesta di spiegare cosa sono, e ciò ci darà l’opportunità di centellinare a piacimento le nostre formule, sempre avendo cura di lasciare il discorso in sospeso, in modo da mantenere vivi l’interesse e la curiosità

Tipo:
Le libertarie sono il modo più efficiente ed avanzato al mondo di consultare gli elettori. Danno a tutti la possibilità di vincere, emergendo gradualmente dal nulla fino alle vette più alte della notorietà. Danno tutto il potere agli elettori e fanno emergere veramente e fedelmente la volontà popolare. Le libertarie sono la formula della democrazia, la versione politica del sogno americano.

e se vogliamo dare qualche dettaglio possiamo parlare di una competizione diluita, a tappe, una regione a settimana, che permette a chiunque di scendere in campo con effettive possibilità di vincere, anche chi parte dall’essere sconosciuto e senza un euro, e una convention di cittadini scelti dagli elettori che governa l’intero processo tramite un meccanismo di controlli incrociati.

Insomma, sapendo di avere per le mani il sistema vincente, possiamo permetterci anche di giocarci un po’. Perché prima di fare emergere tutti con le libertarie, dobbiamo sfruttarle per fare emergere noi stessi. Le libertarie in fondo sono nella nostra natura, perché nel DNA di tutti i conservatori c’è proprio il sogno americano, l’idea che tutti devono avere l’opportunità di emergere dal nulla fino ai gradi più del successo. E se non saremo noi a farci carico di portare il sogno americano in Italia, tanto nella politica, quanto nell’economia, nessuno lo farà mai per noi.

Non posso dare maggiori dettagli per ragioni di tempo, ma se siete interessati al seguito della storia, spero di rivedervi a Cortina.

Vi ringrazio molto dell’attenzione

Sostieni il progetto YouCaucus – Libertarie per l’Italia

Se vuoi sostenere il progetto YouCaucus –
Libertarie per l’Italia
puoi diffonderne le idee come meglio credi, attraverso i social network, o fare una donazione in denaro, dell’importo che vuoi





LIBERTARIE PISA 2018


Istruzioni semplici

Le Libertarie Comunali

Regole delle libertarie

Calendario delle primarie e della convention


Volantino | Stampa e divulga

Rassegna stampa


Cosa ne pensi? Scrivi a

youcaucus@youcaucus.com 

  • Facci conoscere il tuo parere
  • Iscriviti alla nostra mailing list per restare aggiornato
  • Facci sapere se sei interessato a fare da testimonial delle Libertarie (cioè prestarci il tuo volto e il tuo nome) per campagne pubblicitarie informative sui quotidiani e le TV locali
  • Facci sapere se sei interessato a candidarti alla nomina o a delegato

Cerca nel sito

Nel sito Nel web